Home / News / Consegnò alla Protezione civile del Fvg mascherine non conformi, condannata

Consegnò alla Protezione civile del Fvg mascherine non conformi, condannata

Un'imprenditrice cinese residente a Udine è stata condannata a 10 mesi di reclusione

Nei primi giorni dell'emergenza Coronavirus, migliaia di mascherine non conformi alla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia. Jiayi Zang, un'imprenditrice cinese di 29 anni residente a Udine, è stata condannata a 10 mesi di reclusione con il rito abbreviato. La donna è stata riconosciuta colpevole di frode in pubbliche forniture dal gup di Udine Carlotta Silva.

Nel marzo 2020, la donna, legale rappresentante della società Charming Europe con sede a Trieste, concluse un contratto con la Protezione civile per la fornitura di 15mila mascherine KN95 per un corrispettivo di 40mila euro. I dispositivi furono consegnati, ma risultarono privi del fascicolo attestante la conformità tecnica e di marchiatura CE.
Per un altro episodio, lo scorso giugno l'imprenditrice era stata condannata con l'abbreviato a 6 mesi di reclusione per frode in commercio per aver venduto a tre farmacie mascherine non conformi.

"Le KN95 - spiega il difensore della donna, l'avvocato Dario Paiano di Lecce - è riconosciuta come di fabbricazione cinese ed è una mascherina con funzione preventiva, non protettiva. La merce fu consegnata - conclude - e pagata il giusto prezzo". Scontato il ricorso in appello.

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati
Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori