Home / News / Ema su Astrazeneca: collegamenti tra vaccino e rare trombosi non esclusi

Ema su Astrazeneca: collegamenti tra vaccino e rare trombosi non esclusi

Il rapporto rischi-benefici nel complesso rimane comunque positivo

astrazeneca, vaccini, covid

L’Ema non esclude che ci sia un collegamento tra l’inoculazione del vaccino Astrazeneca e le rare trombosi che si sono verificate, ma conferma che il rapporto rischi-benefici nel complesso rimane positivo.

Nella conferenza stampa convocata nel pomeriggio il comitato per la sicurezza dell’Agenzia Europea per i Farmaci ha concluso che le trombosi che si sono verificate in diversi Paese dell’Unione europea dovrebbero essere elencati come effetti collaterali molto rari. Durante la conferenza stampa è stato inoltre spiegato che non è possibile identificare specifici fattori di rischio, scrive EMA e aggiunge in conferenza stampa. L’età, il sesso o la precedente storia medica di disturbi della coagulazione non possono essere confermati come tali – ha evidenziato la direttrice dell'Ema, Emer Cooke - poiché gli eventi rari si osservano in tutte le età e sia negli uomini che nelle donne. La frequenza è difficile da valutare, dice l’agenzia, ma menziona la cifra di circa 1 caso su 100.000.

Alle 18 è stata fissata una riunione straordinaria dei ministri della Salute dell’Ue per discutere delle campagne vaccinali a fronte anche della valutazione dell’Ema, che di fatto ha detto che le autorità nazionali potranno decidere come vorrebbero vaccinare e con quale tipo di vaccino.

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati

TOP 5

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori