Home / News / Via libera al terzo mandato per i sindaci dei comuni sotto i 5 mila abitanti

Via libera al terzo mandato per i sindaci dei comuni sotto i 5 mila abitanti

Saranno illimitati nei comini con meno di mille residenti. Moretti (Pd): era necessario dibattito

Estensione dei mandati per i sindaci dei Comuni sotto i 5 mila e i mille abitanti nonché la redazione di un elenco dei professionisti a cui gli enti locali possono attingere per la redazione dei progetti legati al Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) sono i due principali argomenti che interessano la parte riguardante il disegno di legge Omnibus di competenza dell'assessore regionale alle Autonomie locali, in corso di discussione in Aula a Trieste.

Per quanto riguarda il primo tema, è stata approvata l'estensione fino a tre mandati a favore dei sindaci che amministrano Comuni sotto i 5 mila abitanti. A ciò si aggiunge un subemendamento presentato dai gruppi di maggioranza al quale la Giunta ha dato parere favorevole riguardante la possibilità di estendere illimitatamente i mandati per i primi cittadini nei Comuni che hanno meno di mille abitanti.

Sul secondo punto che caratterizza il capo V del disegno di legge Omnibus, è previsto che l'Amministrazione regionale rediga un elenco di professionisti da mettere a disposizione degli enti locali, al quale i Comuni potranno attingere per mettere in campo gli investimenti riguardanti il Pnrr.

Moretti (Pd): era necessario dibattito  

«Il tema del numero dei mandati dei sindaci ha sempre contraddistinto il dibattito politico regionale. Introdurre delle modifiche da un giorno all'altro, attraverso un emendamento della giunta regionale a una legge omnibus, svilisce questo valore ed esclude dal necessario dibattito le rappresentanze dei Comuni, Anci e Cal. Nonostante la nostra richiesta di stralcio per affrontare nel merito questo e altri temi sollevati e intervenire in maniera organica nella materia elettorale, il centrodestra ha preferito tirare dritto con una forzatura inaccettabile». Lo afferma il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Fvg, Diego Moretti a margine del dibattito in Aula sul ddl 165 multisettoriale.
«Anche l'eliminazione di ogni limite per i Comuni sotto i mille abitanti rappresenta un’altra forzatura priva di qualsiasi discussione, che non può risolvere i problemi di partecipazione emersi anche in quest'ultima tornata elettorale, proprio nel coinvolgimento dei cittadini nelle liste elettorali. Non riteniamo sia serio affrontare in questo modo, con emendamenti a una omnibus, nemmeno discussi e approfonditi in commissione, né tantomeno con gli organismi rappresentativi dei Comuni. Questo modo di agire sembra più una scorciatoia per non affrontare il tema vero della qualità della democrazia negli enti locali».

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati
Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori