Home / News / «Non ho mai perso la speranza». A salvare Baggio una pozza d'acqua e la penombra

«Non ho mai perso la speranza». A salvare Baggio una pozza d'acqua e la penombra

La testimonianza di Gianpaolo Baggio, il giovane 31enne trovato questa mattina dopo sette giorni passati su una cengia all'addiaccio. Nel tg delle 19 il racconto integrale

Sta bene, a parte qualche escoriazione alle gambe. A garantirlo è Gianpaolo Baggio, il 31enne di Torreano recuperato questa mattina dopo 7 giorni di disperate ricerche dalla sua uscita per percorrere la ferrata Palma sul Matajur. A Telefriuli ha rilasciato un'intervista che andrà in onda in formato integrale nel tg delle 19.15.

Il ragazzo si trovava a un centinaio di metri di distanza dell'itinerario principale. Era scivolato e caduto in una zona impervia.

"Sono riuscito a sopravvivere grazie ad un rigagnolo che ha creato una piccola pozza d'acqua - racconta ancora incredulo a Telefriuli -. La bevevo anche se un po' sporca. "Non ho mai perso la pazienza, anche se faceva molto freddo di notte", aggiunge Gianpaolo, che nelle ore più fredde provava a proteggersi con le foglie secche con le quali si ricopriva. "Non ero allo stremo delle mie forze, anche perché mi trovavo in un posto fortunatamente un po' in penombra - aggiunge, descrivendo un altro elemento che ha contribuito alla sua sopravvivenza - Non ho mai perso la speranza che qualcuno mi ritrovasse".

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati
Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori